martedì 25 luglio 2017

La passeggiata



Ma cosa si fa in montagna?
Noi facciamo qualche piccola passeggiata e ....si parte!



dalla casa dei nonni, possiamo decidere se andare a destra verso il "paese", oppure a sinistra dove c'è la casa di una nuova amica: la "pecoraia".
Faccio una parentesi sul termine perchè più di qualcuno ha osservato e conclamato che pecoraia non si dice....allora ho fatto una piccola ricerca e qui la riporto: qui quindi pecoraia è il femminile di pecoraio.


da poco, anche se esattamente non sappiamo, abitano vicino a casa dei nonni.
L'abbiamo incontrata nelle nostre passeggiate perchè è in una posizione che domina una vallata e il panorama è stupendo.
Inoltre la pecoraia è una signora molto gentile e ci ha presi subito in simpatia.


La seguono tre bellissimi cani che conoscendoli e facendoci conoscere sono buoni anche con noi.


qui il "papà" con la sua cucciolotta, una vera giocherellona


i nomi li sanno bene i ragazzi, solo che mentre scrivo Ella e Amo sono ad un campo scuola in provincia di Parma. 
Ne parleremo....

Per arrivare dalla pecoraia si attraversa una strada sterrata in mezzo al bosco, ma c'è chi attraversa proprio il bosco per poi scendere lungo la strada 




In mezzo al bosco fa sempre un pò più fresco , basta coprirsi e via!!!


Ad Ago piace lanciare i sassi.
Di solito li lancia in discesa su un prato, alle volte sperimenta anche il lancio all'insù cioè verso la montagna e il ritorno non è felice!!!!

Chissà che impari , noi facciamo il possibile per mostrargli la via sicura.


Ecco Amo che fa una passeggiata da solo nel bosco.
In solitaria fino ad un certo punto, sempre visibile ai nostri occhi e da quelli di uno scatto veloce.


ci siamo spinti un pò più in là.ci sono ancora case, senza corrente ne acqua, hanno tutte un generatore forse, ma di sicuro fanno la raccolta dell'acqua piovana, si vedono le cisterne.



Il sole scalda e la pancia protesta, per tornare dobbiamo inventarci di tutto....


eccoci a casa dei nonni con mio marito felice di fare la carne ai ferri e io felicissima di fargli cucinare le zucchine del nostro orto ai ferri.
Amo molto di più le verdure lo ammetto, ma ai ferri mangio volentieri anche la carne ed anche i ragazzi apprezzano.


tutti a tavola, visto che le temperature lo permettono mangiamo fuori



un caro saluto 



gioco a fare la nanna nel letto dei miei fratelli


BeaEllaAmo
a presto





















lunedì 24 luglio 2017

Al mare da amici



Giusto poco dopo aver superato gli esami siamo andati a trovare degli amici al mare.
Abbiamo fatto una "toccata e fuga"!!!

Questa famiglia l'abbiamo conosciuta ormai tre anni fa quando abbiamo fatto un'esperienza di condivisione nella provincia di Venezia.
Per un anno e mezzo abbiamo vissuto in un ex seminario ristrutturato e messo a disposizione di famiglie e altre realtà.

Li ho trovati tramite MCF (movimento cominità di famiglie).
Magari in un'altra occasione vi raccontiamo che bellissima esperienza è stata; per ora parliamo di una brevissima gita al mare.

Quindi ci invitano al mare i ragazzi ne sono entusiasti mio marito ed io ci diciamo :Mò come facciamo?!!

Anche a noi il mare piace ma abbiamo deciso di non portare Isa e Ago perchè le ultime volte che eravamo stati loro due in una maniera o nell'altra sono stati male.Probabilmente troppo caldo troppe emozioni o chissà che altro, stavano male.
Così volevamo che Ella e Amo facessero una giornata di mare ma nello stesso tempo non potevamo rischiare.
Abbiamo deciso di partire il mattino presto presto e mentre Ella e Amo andavano in spiaggia con gli amici e i loro genitori, Pier ed io invece abbiamo passeggiato per l'entroterra.
Ci siamo fermati ad un parco giochi un pò riparato dal sole e poi siamo andati a casa degli amici a preparare il pranzo con della carne ai ferri.
Subito dopo pranzo siamo ripartiti per tornare a casa.
Sono state poche ore ma passate in pace e serenità e soprattutto siamo riusciti a far felici Ella ed Amo.




Aronne si è fatto coccolare un pò da tutti.

un caro saluto 
BeaEllaAmo

lunedì 3 luglio 2017

Produzione Orto




Il caldo è arrivato ed anche i prodotti del nostro orto.
Qui una raccolta di zucchine, alcune ci sono scappate nascoste per bene sotto le foglie sono cresciute a dismisura.
Sarebbero molto buone fritte ma hai me non le faccio .... allora le uso per le vellutate che vengono eccezionali. 
Una parte riesco a metterla anche in congelo per l'inverno, in particolare per le pappe di Aronne che giorno dopo giorno cresce.


Abbiamo raccolto tutte le tegoline, piante comprese.
Mio marito ne ha seminate altre dato che ci piacciono tantissimo.

ma il lavoro è tanto 


quasi finito
 e poi chi ci viene a trovare lo mettiamo al lavoro


è capitato il nonno, che oltre a pulire le tegoline l'ho messo a spingere Aronne perchè si addormentasse.... è stato bravissimo.
Sia il nonno che Aronne 😉



le cuciniamo tutte, un pò le mangiamo ed un pò le diamo a chi ci passa a trovare fresche fresche sono deliziose.
Intanto nel lavello le ultimissime foglie di costa


Un caro saluto 
a presto 
BeaEllaAmo


martedì 27 giugno 2017

Tomatis



Nelle scorse settimane prima e durante gli esami di Ella, Isa e Amo abbiamo fatto il primo ciclo del metodo Tomatis.

Di cosa si tratta lo spiega bene questo sito qui.

Ho iniziato il metodo a fine gravidanza dopo aver fatto una visita con un medico hameriano  nuova medicina germanica che ce l'ha consigliato per aiutare Isa e Ago.
La terapista è una persona molto positiva.

Le foto che vi mostrano riguardano più giornate e fatte in orari diversi.
Principalmente alla mattina molto presto verso le 6.30 oppure al pomeriggio verso le 16. Ci è venuta incontro sulle varie esigenze della nostra famiglia. La terapia durava due ore consecutive e le prime volte l'effetto era così




Ecco l'apparecchiatura.
Si indossano delle cuffie particolari che permettono alla musica di entrare direttamente dalla fontanella e percorrere tutto il corpo.





 La musica che si ascolta è di Mozart e canti gregoriani
si alternano le frequenze e le "bande".
Il percorso per noi sarà lungo per seguire i tempi di Isa per prima e poi di Ago, bambini particolarmente sensibili

In alcune giornate ha partecipato anche la nonna 



La baby setter ci accompagnava alla mattina quando arrivava ed anche a lei metteva le cuffie


Chi è felice di aver finito gli esami e prima era occasione di ripassare tutti assieme



Prima Ago poi Isa si fanno coccolare dalla nonna




Non sempre è stato semplice, alle volte stare fermi anche per  cinque minuti è difficile allora Ella ci è venuta in aiuto perchè riusciva a calmare Ago 


qualche volta c'era anche mio marito ed era più semplice...
quando invece mancava la terapista si faceva in quattro per aiutarci
Sono stati momenti importanti per leggere liberamente....topolino.
Personalmente non lo trovo un testo edificante e lo lascio leggere poco con molti commenti per chiarire e dimensionare i personaggi
avete notato che non ci sono genitori, ne figli.....il centro sono sempre i soldi.


ci possono essere dei contrattempi tecnici e allora ci si ingegna



Ella ha usato i suoi strumenti per costruire orecchini e collane, sono stati molto utili


ci abbiamo provato anche se alla fine non ci siamo riuscite...pazienza

che dire dei risultati, si vedranno nel tempo ma qualche accenno c'è stato subito




una sera è venuto a trovarci un amico ed ha chiesto ad Ago di fargli un disegno, hanno fatto assieme un fiorellino e poi....
Ago per tutta la sera è rimasto sul tavolo a comporre dei fiori che abbiamo poi appeso.
Si tratta dei "giro giro" e un gambetto..... lo so che alla sua età i fiori li fanno per bene ma Ago ha avuto dei ritardi cognitivi dovuti alle forti crisi e ora facciamo il possibile per aiutarlo nel recupero.
il metodo Tomatis si stà rivelando positivo anche in Isa perchè in seguito alla fine della terapia ha iniziato a sorridere a mantenere un contatto visivo maggiore .... dal prossimo ciclo che faremo a fine estate sicuramente ci saranno altri grandi progressi e non vediamo l'ora.
Concludo che si tratta di un metodo non invasivo che tutta la nostra famiglia stà facendo perchè a tutti può fare del bene.

Buon ascolto
un caro saluto 
a presto
BeaEllaAmo










lunedì 26 giugno 2017

La diga di Corlo



 Si parte per una nuova avventura...
a dire la verità non avevamo programmato questa gita.
Stavamo andando a messa, poi è successo che abbiamo sbagliato l'orario e avevamo più di un'ora d'aspettare prima che iniziasse.
Così il nostro capo tribù ha proposto di andare a visitare la diga di Corlo.

Siamo partiti lungo una stradina a doppio senso, quelle di montagna e grazie a Dio non abbiamo incrociato auto.





Che panorama, la giornata era stupenda!


Posizione di combattimento, ops di viaggio,
Pier tiene saldamente stretto Ago. Aronne è in fascia e per quest'anno ce la caviamo, chissà come faremo quando anche lui camminerà?!!?😅
Adamo va in avanscoperta e chiacchierone com'è voleva parlare con l'unica persona che si trovava come noi a visitare la diga.
Ella si occupa delle foto e per questa volta è un pò più libera.
Isa è accanto a me, non so se sono io a tenerla o è lei che mi sorregge....La diga è molto alta è facile impressionarsi, almeno per me.
Da un lato è così


dall'altro lato è così 


ok saliamo, da ultima della fila continuo a raccomandarmi con tutti di fare attenzione,di non sporgersi di non qua e non la e avanti ...finchè mio marito avanza più in fretta cercando di non sentirmi....😄






Siamo sopra la diga e c'è una caverna.... entriamo......


non è molto lunga e si tratta di una galleria ma risulta affascinante lo stesso. La strada conduce alla borgata di Corlo e la galleria è molto suggestiva.


Siamo usciti sani e salvi ma c'è chi corre per raggiungerci



Torniamo indietro e notiamo altri particolari resi più incantevoli dall'effetto della luce


Ella si fa un primo piano


Ci accorgiamo che belle cascate ci sono dalla parte opposta al lago che si riversano sul Torrente Cismon


Studiamo per bene la chiusa 



a me fa impressione ma stando lontano dal bordo ce la faccio a sbirciare e poi era Ella a farle ed ora mi gusto le foto.

Cosa vede mio marito un albero di


ciliege selvatiche, sono..... 



mature ma un pò aspre. Le assaggiamo tutti...o quasi

A questo punto torniamo e ci avviamo, la messa a breve inizia 
per la strada incontriamo 



stavano facendo una passeggiata un pò per la strada poi li abbiamo rivisti lungo un sentiero.

buona settimana 
un caro saluto 
a presto
BeaEllaAmo